LiguriaLifeStyle

Marcello Mannuzza e la magia dell’argilla sul tornio

Marcello Mannuzza riceve l’attestato di riconoscimento della qualifica di Maestro Artigiano

I maestri ceramisti Marcello Mannuzza e Guido Garbarino a Stile Artigiano Savona daranno “spettacolo” con l’abilità che li contraddistingue. La magia dell’argilla che prende forma sul tornio farà da sfondo al fashion event di venerdì 30 settembre, ore 18. I riflettori verranno puntati ancora sulla tradizione portata avanti dai ceramisti savonesi nel corso della performance di sabato 1 ottobre, ore 21. Due eventi in programma per far conoscere ai visitatori il mondo che gira intorno alla produzione della ceramica artistica e artigianale dell’Associazione ceramisti di Albisola.

Un universo affascinante ed emozionante quello della ceramica. Ma come si svolge la performance? Lo spiega direttamente il maestro Mannuzza: “La manipolazione dell’argilla è già uno spettacolo in sé. La performance è nata per caso e viene incentrata sulla maniera di sbattere i pani di terra con le mani, che di seguito ci passeremo a vicenda, in un movimento da destra a sinistra.  Il passaggio è in tre tempi, come nel valzer. Mettere una base musicale a questo movimento ritmico è stato naturale”.

Guido Garbarino, Marcello Mannuzza e Caterina Ricci nel corso di una performance al tornio elettrico

“Balleggiare” è un termine dialettale che significa impastare e che viene utilizzato appunto per l’argilla. Consiste nello sbattere i pezzi l’uno contro l’altro in modo che le bolle d’aria vengano eliminate per rendere la terra più malleabile. Questo metodo di manipolazione è antico e praticato solo in Liguria. “In seguito metteremo l’argilla sul tornio elettrico – aggiunge Mannuzza – e lo faremo partire. Il lavoro poi si svolge a quattro mani ed è un’operazione piuttosto complessa perché bisogna trovare la giusta combinazione nei movimenti e nella velocità del tornio. Non abbiamo ancora in mente una forma, partiremo sicuramente dalla realizzazione di un cilindro poi sarà la nostra abilità e il nostro sentire a fare il resto”.

Il maestro nella sua bottega di Celle Ligure

Nonostante cinquant’anni di attività, le tante opere realizzate uscite dalla sua bottega “Il Tondo”, le collaborazioni prestigiose, la notorietà internazionale, il maestro Marcello Mannuzza di Celle Ligure ha sempre voglia di mettersi in gioco. Lo chiamo al telefono per farmi raccontare come si svolgerà la performance a Stile Artigiano e mi dice che è appena rientrato dal Mondial Tornianti, appuntamento a Faenza dove si incontrano i migliori vasai del mondo. “Eravamo quaranta concorrenti, unico ligure, provenienti da tutto il mondo – aggiunge – dovevamo mostrare abilità e spettacolarità nel realizzare il cilindro più alto e la ciotola più larga. La prova più particolare? La realizzazione di un vaso al tornio con una benda davanti agli occhi. Un’emozione unica”.

Share

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation