LiguriaLifeStyle

Gilberto Volpara: “Racconterò l’artigianato ligure attraverso una moltitudine di punti di vista”

La foto di Gilberto Volpara risale ai tempi in cui il giornalista era direttore dell’emittente televisiva “Primo Canale”.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Gilberto Volpara, giornalista e conduttore televisivo, per conoscere qual è il suo punto di vista e come si appresta a partecipare e raccontare Stile Artigiano Savona, in cui avrà un ruolo di primo piano. Perché Stile Artigiano diventa anche un evento televisivo in onda il primo mercoledì di ottobre. A tre giorni dalla chiusura, il 5 ottobre ore 21, la manifestazione si sposterà sui canali dell’emittente ligure “Primo Canale” diventando protagonista assoluta della celebre trasmissione “Viaggio in Liguria”, dove il giornalista realizzerà, attraverso una moltitudine di punti di vista, il racconto corale dell’evento. Con la collaborazione del “cucinosofo” Sergio Rossi e le riprese di Massimo Fornasier. Gilberto Volpara sarà presente alla tre giorni in Darsena per intervistare gli artigiani, per capire la cura con la quale vengono creati i loro prodotti e per rivelarne l’aspetto umano, e stimolare i politici presenti a cimentarsi con le lavorazioni “handmade”. Politici e amministratori saranno messi “alla prova” anche con domande e osservazioni, nel corso della loro partecipazione a “Mezz’ora con Stile”. “Conosco bene le sollecitazioni del mondo artigiano alla politica, anche perché mia mamma Giovanna fa la parrucchiera a Mignanego da cinquant’anni”.

Parole, immagini, suoni Gilberto Volpara si avvicina a Stile Artigiano. “Da curioso – spiega – perché ho una manualità pari a zero. Vivrò questo evento con un pizzico di invidia, forse riuscirò a imparare qualcosa, ma soprattutto da giornalista per scoprire le creazioni dagli artigiani di Liguria”.

Precisa di non avere una scaletta. “Andrò molto di cuore e sentimento. Le domande verranno di volta in volta, rispetto allo svilupparsi dell’evento in Darsena”.

Appassionato di dialetto, qualcuno dice che sia l’unico giovane giornalista a conoscere a fondo la lingua ligure. Non è un caso, infatti, che conduca la trasmissione televisiva, su Primo Canale “Liguria ancheu”. “Parlo il ligure fin da bambino – spiega – sono nato e cresciuto a Mignanego, dove ancora si utilizza il dialetto per comunicare. Credo che il dialetto e le nostre tradizioni artigianali manifatturiere, come la filigrana, il legno e la pasticceria, rappresentino una sorta di conservazione della tradizione del territorio”.

C’è qualcuno che dice che sei discendente del grande Gilberto Govi. “E’ una leggenda che gira in Rete e così approfitto di questa occasione per smentire definitivamente. L’unica cosa che mi accomuna al grande attore è il nome”.

Share

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation